La famiglia Richter da Lindau, sul lago di Costanza in Germania, sono i 5 milionesimi visitatori ad acquistare un biglietto del Museo Archeologico dell’Alto Adige dalla sua inaugurazione avvenuta il 28 marzo 1998.

Bolzano, 28/03/2018

5 milioni di visitatori al Museo Archeologico dell’Alto Adige

La famiglia Richter da Lindau, sul lago di Costanza in Germania, sono i 5 milionesimi visitatori ad acquistare un biglietto del Museo Archeologico dell’Alto Adige dalla sua inaugurazione avvenuta il 28 marzo 1998.

Da quando 20 anni fa il Museo Archeologico dell’Alto Adige ha aperto per la prima volta al pubblico, il numero degli ingressi al museo si aggira intorno alle 230.-250.000 persone all’anno. Negli ultimi anni l’afflusso di visitatrici e visitatori al più noto dei Musei provinciali altoatesini è costantemente aumentato, fino al numero record di 286.972 persone del 2017, venute da tutto il mondo per vedere l’Uomo venuto dal ghiaccio. Caso ha voluto che il traguardo dei 5 milioni di ingressi venisse raggiunto proprio nei giorni in cui il museo celebra il suo 20° anniversario.

A tagliare il simbolico, ma significativo traguardo sono stati i cinque membri della famiglia Richter, venuta in Alto Adige da Lindau sul lago di Costanza, in Germania, per una breve vacanza prima di Pasqua. “Siamo venuti per fare qualche passeggiata, godere un po’ di tepore e svagarci,” spiega entusiasta mamma Désirée. Lei, il marito Dirk e i figli Leni (12), Julian (10) e Isabell (7) oggi avevano programmato un piacevole giro a Bolzano con visita al museo. Proprio per far felice il piccolo Julian, appassionato di musei e castelli e che conosceva già Ötzi dalla trasmissione televisiva per bambini “Willi will’s wissen”, la famiglia intorno alle 11 si è diretta al Museo Archeologico dell’Alto Adige.

Per l’occasione, la famiglia Richter ha ricevuto in dono personalmente dall’assessore provinciale ai Musei Florian Mussner e dalla direttrice della Ripartizione provinciale Musei Karin Dalla Torre alcuni libri e souvenir provenienti dallo shop del museo e un buono per un tour guidato al luogo di ritrovamento dell’Uomo venuto dal ghiaccio sul Giogo di Tisa, da effettuare entro due anni. “Il tour in montagna lo vogliamo assolutamente fare!”, hanno detto soddisfatti i cinque vacanzieri.
Il numero visitatori degli anni scorsi è consultabile qui: www.iceman.it/20anni_temi_cifre/

 

Foto: © Museo Archeologico dell’Alto Adige
1: Famiglia Richter con l’assessore ai musei, Florian Mussner (a sinistra), la direttrice del Museo, Angelika Fleckinger (seconda da destra) e Karin Dalla Torre, Direttrice del dipartimento musei e dei musei provinciali (a destra) © Museo Archeologico dell’Alto Adige

2: la famiglia Richter e la ricostruzione di Ötzi, l’Uomo venuto dal ghiaccio

Contatto per la stampa:
Katharina Hersel
Museo Archeologico dell’Alto Adige
Via Museo 43, 39100 Bolzano
T +39 0471 320114, F +39 0471 320122
[email protected], www.iceman.it
Facebook: OetziTheIceman

Download Attachments

FileDescrizioneDim.
jpg (c) South Tyrol Museum of Archaeology
Fam. Richter with Iceman reconstruction
296 KB
jpg 235 KB
pdf 77 KB
Show Buttons
Hide Buttons