Il Museo Archeologico dell’Alto Adige invita adulti e bambini sui Prati del Talvera alla 14ma edizione del festival di archeologia “Ritorno alla preistoria”. Esperte ed esperti di archeotecnica e di archeologia sperimentale illustreranno una selezione di temi relativi all’Età del Rame che sarà possibile toccare con mano e vivere in prima persona.

Bolzano, 23/09/2017

Ritorno alla Preistoria 2017: rame step by step

Un fine settimana archeologico all’insegna di nuove scoperte per tutta la famiglia.

Sabato e domenica 23 e 24 settembre 2017, ore 10.00 – 18.00

Il Museo Archeologico dell’Alto Adige invita adulti e bambini sui Prati del Talvera alla 14ma edizione del festival di archeologia “Ritorno alla preistoria”. Esperte ed esperti di archeotecnica e di archeologia sperimentale illustreranno una selezione di temi relativi all’Età del Rame che sarà possibile toccare con mano e vivere in prima persona. In collagamento con l’attuale mostra temporanea “HEAVY METAL. Come il rame cambiò il mondo”, la manifestazione si concentrerà sulla fusione e lavorazione del rame nel corso del tempo e sul significato di questo minerale fino ad oggi.

È Ötzi, l’Uomo venuto dal ghiaccio, il più noto personaggio del passato ad utilizzare un utensile di puro rame, la lama della sua ascia. Per Ötzi l’ascia era uno strumento molto versatile, che impiegava forse anche come arma. La sua lama di rame ci rivela molto sullo stato delle conoscenze e sulle capacità artigianali degli uomini nell’Età del Rame. Per procurarsi questo metallo rosso lucido, essi erano disposti addirittura a incamminarsi su lontane vie commerciali. Il rame della lama dell’ascia di Ötzi infatti proviene dalla Toscana.

Nelle postazioni sui Prati del Talvera a Bolzano, nelle vicinanze del museo, grandi e piccoli sperimentano tutto sul rame e sulle molteplici possibilità di impiego di questo metallo. Nelle diverse tende si spiega dove è presente il rame, come è possibile estrarlo, come si procede per fonderlo e plasmarlo e quale importante ruolo giochi ancora oggi nella nostra quotidianità.

Postazioni della manifestazione:

Tenda 1

Riduzione del rame – Processo di riduzione della malachite in rame grazie al calore del fuoco

Josef Engelmann, archeologo, D

Tenda 2

Fusione del rame – Il rame viene fuso nel fuoco all’interno di una buca a cielo aperto e colato in forme di fusione

Nico Aldegani, archeologo e guida nel Museo Archeologico dell’Alto Adige, I

Tenda 3

Creazione di ornamenti preistorici in filo di rame o di lamina di rame.

Sayuri De Zilva, archeologa e gioielliera, D

Tenda 4

Rifinitura di utensili in rame – Lavoro di battitura

Claus-Stephan Holdermann, archeologo, D
Rudi Hinterwaldner, archeologo, D

Tenda 5

Realizzazione di armi e strumenti di rame – Prove di funzionalità degli utensili

Wulf Hein, archeologo, D

Nei due pomeriggi sono previste delle postazioni supplementari:

Tenda 6 (ore 15.00-17.30)

Rame per golosi. Il rame come microelemento essenziale nella nostra alimentazione e appetitose ricette con degustazione, in collaborazione con la Scuola professionale per l’economia domestica e agroalimentare di Aslago.

Petra Heschgl, nutrizionista e insegnante in scienze dell’alimentazione
Julia Dariz, terapista dell’alimentazione e insegnante

In collaborazione con la Scuola professionale per l’economia domestica e agroalimentare Aslago.

Postazione 7 (dentro al museo)

Il rame e i suoi superpoteri. Divertenti dimostrazioni, giochi ed esperimenti sulle proprietà di questo materiale.

Gianpietro Gai, designer, I

Luoghi della manifestazione:

Prati del Talvera: sabato e domenica 23-24/9, ore 10.00 – 18.00
Museo Archeologico dell’Alto Adige, via Museo 43, Bolzano: ore 10.00 – 18.00 (ultimo ingresso ore 17.30)
L’ingresso sui Prati del Talvera è libero per tutti. In questo fine settimana, anche l’ingresso al Museo Archeologico dell’Alto Adige e alla mostra temporanea “Heavy Metal – Come il rame cambiò il mondo” è gratuito per tutte le famiglie.


Indicazioni per i media:

Nella “tenda informativa” per l’intera durata del festival collaboratrici e collaboratori sono a disposizione per fornire informazioni e chiarimenti.
Le immagini saranno disponibili a partire dalle ore 13.00 di sabato 23/9/2017 e su Facebook OetziTheIceman.

Foto: (c) Museo Archeologico dell’Alto Adige

Contatto per la stampa:
Katharina Hersel
Museo Archeologico dell’Alto Adige
via Museo 43, 39100 Bolzano
cell. 335-6866619
press@iceman.it, www.iceman.it
Facebook: OetziTheIceman

Download Attachments

FileDescrizioneDim.
pdf (c) Südtiroler Archäologiemuseum / Museo Archeologico dell'Alto Adige
Kupfererz schmelzen - fusione di minerale di rame (malachite)
80 KB
gif (c) South Tyrol Museum of Archaeology / O. Seehauser
678 KB
jpg (c) Südtiroler Archäologiemuseum - Museo Archeologico dell'Alto Adige
Kupfererz schmelzen - riduyione del malachite in rame
467 KB
jpg (c) Südtiroler Archäologiemuseum - Museo Archäologico dell'Alto Adige
Kupferschmuck anfertigen - produzione di gioielli in rame
194 KB
jpg (c) Südtiroler Archäologiemuseum - Museo Archeologico dell'Alto Adige
Feuermachen zum Waffenschmieden - Fuoco per la rifinitura di utensili in rame
379 KB
jpg (c) Südtiroler Archäologiemuseum - Museo Archeologico dell'Alto Adige
Malachit (Kupfererz) wird in Tonkugeln zu Kupfer geschmolzen - Malachite (minerale di rame) viene fuso in palle di terracotta
370 KB
Show Buttons
Hide Buttons