Cosa c’entra il mio DNA con quello di Ötzi?

(c) South Tyrol Museum of Archaeology

Cosa c’entra il mio DNA con quello di Ötzi?

 

Due classi del liceo scientifico in lingua tedesca di Bolzano hanno studiato come, partendo dal proprio DNA, si determinano i gradi di parentela con altri gruppi di popolazione a livello mondiale, e che relazione c’è tra il proprio DNA e quello di esseri umani vissuti nel passato come Ötzi e l’Uomo di Neanderthal.

Per iniziare, ci si è cimentati in un impegnativo lavoro di laboratorio: presupposto per l’esperimento era estrarre il proprio DNA dalle sacche mascellari e poi moltiplicarlo, per renderlo analizzabile.

Dopo il sequenziamento di tutti i campioni di DNA in un laboratorio professionale, è iniziata la parte più avvincente del workshop: la comparazione del proprio DNA con quello di altri gruppi di popolazione della Terra, da una parte, e dall’altra la sua comparazione con il DNA dell’Uomo di Neanderthal o di Ötzi. O meglio, per essere precisi, con quello di sua madre. Perché per l’analisi non si è utilizzato il DNA nucleare ereditato dal padre, ma il cosiddetto DNA mitocondriale, che si eredita per via materna, più facilmente estraibile.

I sorprendenti risultati scientifici ottenuti da studenti e studentesse non ve li riveliamo ancora. Li mostreranno gli stessi protagonisti in occasione della Lunga notte della ricerca in programma oggi, venerdì 27 settembre 2019, dalle ore 17 alle 22, al Museo Archeologico dell’Alto Adige.

Il workshop è stato possibile grazie alla cooperazione con il DNA Learning Center di New York.

 

Foto: estrazione del proprio DNA con Uwe Hilgert, Bio5 Institute, University Arizona and DNA Learning Center New York (c) Museo Archeologico dell’Alto Adige

Show Buttons
Hide Buttons